In seguito alla partecipazione al bando emanato dalla Regione Piemonte a tutela della “cultura della legalità, del rispetto e della dignità della persona, della tutela dell’integrità psicofisica, della valorizzazione delle diversità, del contrasto di ogni forma di discriminazione,  della promozione dell’educazione civica digitale, dell’utilizzo consapevole delle tecnologie informatiche e della rete internet” l’Istituto Sobrero ha ottenuto un significativo contributo di 2464 euro, che è stato destinato al progetto “Star bene a scuola”. L’iniziativa, proposta al Collegio Docenti dalla prof. Paola Pavanello, è volta a supportare gli studenti prevenendo e gestendo possibili situazioni di disagio legate a problematiche trasversali dell’età adolescenziale (inclusività, dispersione, bullismo e cyberbullismo). Per la realizzazione del progetto l’Istituto si avvale della collaborazione della dottoressa Martina Crisman, psicoterapeuta e psicologa di grande professionalità, che da diversi anni collabora con la nostra scuola nella gestione dello sportello di ascolto. Le attività preventivate per il 2022-23 coinvolgeranno principalmente gli allievi del biennio e consisteranno in momenti di riflessione e laboratori rivolti ai diversi gruppi classe. “Il ritorno in presenza -osserva il Ds Riccardo Rota- ci ha chiamati a confrontarci con problematiche inedite e con un generale deterioramento degli scenari economici: sebbene le conseguenze di tali fenomeni abbiano una portata ben più ampia del campo d’azione di una singola istituzione scolastica, quest’ultima ha il dovere di fornire una risposta alle richieste delle famiglie e di elaborare strategie in supporto alle esigenze dell’utenza”.